lubiana hotel

Visitare Lubiana: il bellissimo Ponte dei Draghi

Le figure apotropaiche presenti nelle parti più evidenti del Ponte dei Draghi, una delle attrattive più affascinanti da vedere quando si decide di visitare Lubiana durante le proprie vacanze in Slovenia, sono riconducibili alla stessa logica e alla stessa cultura che risulta riscontrabile nell’architettura di numerosissime città europee: in passato, infatti, si credeva che la realizzazione di decorazioni raffiguranti mostri spaventosi poste ad adornare le principali infrastrutture di una città e alcuni dei palazzi più importanti presenti sul territorio, potesse allontanare gli spiriti maligni che, specie durante la notte, potevano aggirarsi in città portando danni e devastazioni.

Al di là delle credenze, o delle miscredenze, se preferite, rimane ancor oggi la cifra estetica di buona parte di queste rappresentazioni: il Ponte dei Draghi, meta mai trascurata da quanti scelgono di visitare Lubiana, rappresenta un esempio tipico dell’architettura secessionista ed è uno dei primi ponti realizzati in cemento armato all’interno del Vecchio Continente.

La storia del Ponte dei Draghi

Il ponte nacqque con il nome di ‘’Ponte del Giubileo’’ e fu progettato per onorare i primi quarant’anni di regno dell’Imperatore Francesco Giuseppe I. Edificato nel corso del 1900, sostituì un’analoga struttura risalante a qualche anno prima, caratterizzata da uno stile molto più essenziale e nota con il nome di ‘’Ponte dei Macellai’’.

Nel 1919 il ponte fu nuovamente ribattezzato con il nome attuale: i draghi che lo caratterizzano, rendendolo una delle attrattive principali da visitare a Lubiana, sono posizionati su appositi piedistalli. I mostri, presenti ai quattro angoli della struttura, fanno parte della simbologia presente anche nello stemma di Lubiana, si rifanno alla mitologia greca e, curiosamente e non senza sarcasmo, vengono denominati dagli autoctoni ‘’Suocere’’.

La struttura del ponte fu ideata dall’austriaco Josef Melan ed edificata secondo le direttive imposte dall’architetto Jurij Zaninovic, autore anche delle balaustre decorate e dello stile delle lampade in bronzo.

http://www.cityhotel.si/it/chi_siamo.xhtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *